Museo MAON: l’Arte incontra la Dieta Mediterranea e brinda con Calici di Storia

Non è più il momento di fare i tuttologi per continuare a degradare l'Italia ridotta a terra di svendita per furbi e stranieri mercenari. Bisogna sapere unire esperienze e capacità per governare l'affermazione della leadership del nostro Paese. Un esempio viene dal mondo della Cultura.

museo-maon-rendeA cura della Redazione di ITALIA-Magazine.it/

CLICCA QUI PER VEDERE IL MAON VIRTUALE

Aggiornamento ore 22,00 – Giorno 16 Dicembre 2014 – Rende – Si è concluso con successo il percorso artistico promosso dal MAON. Posti in piedi! Molto soddisfatti il Direttore Artistico Tonino Sicoli e la Coordinatrice dell’Evento Mariarosalba Bernaudo. Soprattutto, si sono detti molto soddisfatti i presenti. Tutto ha funzionato alla perfezione e, come gli appassionati speravano, le Arti della Musica, della Composizione, del Teatro, si sono fuse ai Sapori del Mediterraneo, come promesso dalla locandina. Tra le performance artistiche, infatti, gli Alimenti della Dieta Mediterranea di “Simply Med” e i Vini “Terre di Cosenza DOP”, hanno saputo offrire quel fine contributo che ha ben reso l’idea della “Convivialità Mediterranea”. Molto apprezzata la virtualizzazione del MAON presentata dalla Fondazione Culturale “Paolo di Tarso” che si è detta felice, per il tramite del Presidente Luana Gallo, di aver potuto contribuire ad allargare alla Rete la bellezza e l’utilità sociale e culturale del Museo d’Arte dell’Otto e del Novecento. Presto, il link della virtualizzazione comparirà sul sito ufficiale del MAON www.maon.it.

Sede Calabria – Giorno 16 Dicembre 2014, dalle ore 17.00 alle ore 22.00 aprono i battenti del MAON di Rende e prende vita la mostra dinamica “Dal Secondo Futurismo all’Arte concreta e Dintorni” (Marasco, Benedetto, Rotella e la ricerca astratta 1920 – 1970), a cura di Bruno Corà, Massimo Di Stefano, Leonardo Passarelli e Tonino Sicoli Direttore Artistico, quest’ultimo, dello stesso MAON – Museo dell’Otto e del Novecento.

La Mostra si potrà ammirare fino al 31 Dicembre e la sua inaugurazione è da considerarsi una giornata che riteniamo unica per una serie di motivi. Suggerimento di FOOD MAGAZINE.IT? Chi può non perda questa rara occasione di intelligente fusione tra Arte museale e Buone Pratiche Alimentari della Dieta Mediterranea.

maon-museo-rende

Cataloghi d’Arte nel MAON – Museo dell’Otto e del Novecento di Rende

IL PROGRAMMA 
Alle ore 17 inizio attività.
– Presentazione dell’opera di virtualizzazione del Museo a cura della Fondazione Culturale “Paolo di Tarso”. Relaziona Eleonora Cafiero.
– Interventi di Giovanna Capitelli, Leonardo Passarelli e Tonino Sicoli sul tema: Aspetti performativi nelle Avanguardie del Novecento.
– Parole Futuriste e Poesie Epistaltiche /da Filippo T. Marinetti a Mimmo Rotella. Recital- performance di Lindo Nudo (Teatro Rossosimona) con elaborazioni musicali di Alessandro Rizzo.
– Il Futurismo. Quel che c’era intorno e la sua eredità. Concerto pianistico del M° Giuseppe Maiorca, a cura del Conservatorio di Musica “S. Giacomantonio” di Cosenza. Intervento di Antonella Calvelli.
– Degustare – il Cibo e  il Vino come Bene Culturale. La Dieta Mediterranea Patrimonio UNESCO. Degustazioni a cura di “Simply Med”. Intervento di Silvia Lanzafame.
– Banco d’assaggio vini “Terre di Cosenza” DOP. Interventi di Gianfrango Biondi, Gennaro Convertini e Nicola De Florio.
Coordinamento di Mariarosalba Bernaudo – rassegna Video e Documentari sul tema della mostra a cura di Rosanna Rago.

MAON DI RENDE: UNA MOSTRA MOLTE NOVITA’
Tra le novità che procurano naturale attrazione alla Redazione di FOOD-MAGAZINE.IT, la mostra presenta l’esclusivo intreccio tra le Arti della Pittura, Scultura, Musica e Teatro con il Cibo Sano per eccellenza rappresentato dalla Dieta Mediterranea proclamata dall’UNESCO Patrimonio Immateriale dell’Umanità.
La seconda novità ha carattere innovativo: la digitalizzazione del MAON che ci offrirà la possibilità di conoscerne meglio i luoghi anche tramite i media digitali. Qui alcune anteprime in formato Orbicolare grazie alle quali anche noi da Roma possiamo apprezzare il Museo e l’ottimo lavoro di digitalizzazione effettuata dagli stessi esperti della Fondazione “Paolo di Tarso” che hanno digitalizzato l’Archivio di Musica Sacra dell’Arcibasilica di San Giovanni in Laterano di Roma sede del Romano Pontefice.

museo-maon-rende - visita virtuale

Immagine Orbicolare del MAON – Museo dell’Arte dell’Otto e Novecento di Rende

Un’attività utile per gli utenti della rete ai quali, in prima nazionale e per gentile concessione della Fondazione Culturale “Paolo di Tarso”, presentiamo alcuni Virtual Tour degli Ambienti del MAON. Ciò significa che i visitatori che desiderano conoscere gli ambienti del Museo potranno accedere da qualsiasi luogo del mondo al sito ufficiale del MAON – Museo dell’Otto e del Novecento (www.maon.it) per accedere ai Virtual Tour.

museo-maon-rende-virtual tour

Immagine Orbicolare del MAON – Museo dell’Arte dell’Otto e Novecento di Rende

“Si tratta di un contributo che abbiamo offerto con gioia – ha affermato Fabio Gallo curatore dei Rapporti Istituzionali della Fondazione “Paolo di Tarso” – che, nell’ambito delle sue attività istituzionali, si occupa della promozione del “valore Italia” e di progetti finalizzati alla tutela della memoria e dei Diritti Umani. Abbiamo accolto l’invito a digitalizzare il Museo dall’Avvocato Mariarosalba Bernaudo poiché siamo convinti che un’adeguata presentazione dei Beni Culturali del Mezzogiorno d’Italia sia alla base del rilancio di quella cultura che genera nuove economie. La Fondazione ha inteso farne una donazione al Museo dell’Arte dell’Otto e del Novecento. La locandina di giorno 16 Dicembre, infatti, prova che ad essere promosso dall’evento culturale all’interno del quale presenteremo l’Opera di Digitalizzazione del MAON, è un intero Territorio. Insieme alle prestigiose attività di tanti meritevoli Artisti, si esibiranno gli Artisti del Cibo Sano e dei Vivi d’eccellenza. Non a caso la Dieta Mediterranea è stata proclamata dall’UNESCO Patrimonio Immateriale dell’Umanità”.

LE ARTI E IL CIBO SANO DELLA DIETA MEDITERRANEA
Nel corso delle performance artistiche prenderà vita una degustazione di Alimenti e Prodotti della Dieta Mediterranea “al tagliere”che, essendo nota a questa Redazione, possiamo definire a regola d’Arte. Il tagliere della Dieta Mediterranea “Simply Med” è davvero straordinario per forma, peso e contenuto. Oltre un metro di lunghezza e 8 Kg. di peso è stato pensato in tre versioni: Mare, Campagna e Montagna (nella foto ndr) e speriamo davvero di poter degustare in questa circostanza gli ormai noti “Patè” di Zucchine, Broccoletti, Carciofini, Olive e Cipolla Rossa di Tropea che la nostra Redazione ha potuto degustare nel corso dell’Estate in occasione della visita in Calabria del Presidente della East-West Investment Group di Mosca che, proprio sulla Dieta Mediterranea brandizzata “Simply Med” (semplice e mediterraneo) sta facendo un serio pensierino di Cooperazione internazionale. Il noto Gruppo Russo è già partner ufficiale della prima Biennale della Dieta Mediterranea 2016 della quale diamo anticipazione.

tagliere-simplymed-dieta-mediterranea

L’originale tagliere realizzato da Simply Med per la degustazione dei suoi prodotti della Dieta Mediterranea.

Tra le Arti della Pittura, della Musica e del Teatro, il MAON offre una degustazione di Vini eccellenti che raccontano la storia del territorio. Dunque, una vera e propria “celebrazione” del Territorio. Come funzionerà? Tra una performance e l’altra gli ospiti del MAON potranno degustare i Prodotti Alimentari che compongono il paniere della Dieta Mediterranea selezionato dalla Master Brand Etica “Simply Med” , primo marchio italiano esclusivamente dedicato al Cibo salutistico della Dieta Mediterranea. A presentare i prodotti Simply Med sarà Silvia Lanzafame A.U. di Dieta Mediterranea srl, Manager della Dieta Mediterranea e Sostenibilità Ambientale.  Per quanto riguarda i pregiati Vini DOP Terre di Cosenza la degustazione sarà curata da Gianfranco Biondi, Gennaro Convertini e Nicola De Florio.

SCELTE AD ARTE?
Il Direttore Artistico Tonino Sicoli e la Coordinatrice della mostra Mariarosalba Bernaudo, dunque, hanno coniato per gli appassionati dell’Arte un “modello” che restituisce alla bella Rende, antica sede reale, lo charme che fa la differenza nel momento in cui turisti e viaggiatori devono scegliere una località da visitare. Quasi, anche se nella sua dimensione, l’evento racchiude la mission che animerà l’EXPO 2016, la Biennale destinata a dare un volto universale ai luoghi d’interesse scelti dall’Organizzazione nel Mezzogiorno d’Italia.

ARTE E DIETA MEDITERRANEA: MODELLO CULTURALE ED ECONOMICO 
Per come è stata coniata, la mostra contiene alcuni degli elementi della Biennale dell’EXPO MONDIALE DELLA DIETA MEDITERRANEA 2016, il primo a carattere “diffuso e sostenibile” promosso dalla Fondazione “Paolo di Tarso” e già condiviso da istituzioni di ogni ordine e grado.

simplymed-dietamediterranea

Immagine tratta dalla campagna di Visual Art realizzata quale contributo alla conoscenza del Cibo Sano tramite la Rete

La “Biennale” nasce per attrarre l’attenzione delle Nazioni sulle buone pratiche del Mezzogiorno d’Italia in campo Alimentare e Culturale e mira al rilancio dell’Economia e del Lavoro in un ambiente di sviluppo e legalità che guarda alla tutela del Diritto Umano alla sana alimentazione. Possiamo dire che se pur nella sua giusta dimensione, l’idea messa in pratica dal MAON potrebbe essere interpretato come un primo passo verso l’EXPO 2016 da parte del salotto Culturale di Rende.

simplymed-dietame-diterrane

Immagine tratta dalla campagna di Visual Art realizzata quale contributo alla conoscenza del Cibo Sano tramite la Rete

Non a caso, evidentemente per contribuire al rilancio del territorio anche grazie al “potere della rete”, la Fondazione Culturale “Paolo di Tarso” si è resa disponibile a realizzare gratuitamente la Virtualizzazione Digitale del MAON. Per logica, infatti, un Museo è l’espressione della Cultura del Territorio e la Fondazione che ha digitalizzato i celebri Archivi di Musica Sacra del Vaticano sa bene che per parlare di sviluppo, oggi, non possiamo prescindere dal grande contributo che può offrire all’Economia una gestione ben veicolata del “potere della rete”.

TONINO SICOLI E MARIAROSALBA BERNAUDO NEL MUSEO DELL’ARTE E “DEL FARE”
Queste intelligenti contaminazioni sono frutto della sinergia propositiva tra Direttore Artistico del MAON e la Coordinatrice della mostra Maria Rosalba Bernaudo che ha saputo unire alle Arti tradizionalmente note in quanto tali, quella della Convivialità Mediterranea, vera ambasciatrice del talento Agroalimentare delle regioni del Sud Italia nel mondo. Non è un caso che il connubbio Arte-Dieta Mediterranea avvenga nella Città di Rende ove sorge l’Università della Calabria che insieme alla Città di Otranto (Puglia) sarà sede della prima edizione della Biennale dell’EXPO 2016. Anche la Puglia – e non è un caso la coincidenza temporale – sarà protagonista del convegno dedicato alla Dieta Mediterranea e all’EXPO 2016 che si terrà giorno 18 Dicembre presso il noto Alberghiero di Otranto con il Patrocinio del G.A.L. Terre d’Otranto.

Ma l’Avvocato Bernaudo non si è fermata qui perché ha chiesto e ottenuto la diffusione in rete delle Visite Virtuali del Museo a cura delle Testate Giornalistiche del Gruppo ComunicareITALIA leader nella promozione del Brand Italia e il Made in Italy in Rete. Certamente un buon Natale per la Città di Rende e un buon inizio di anno nuovo per l’Arte e la cultura Enogastronomica di questo meraviglioso territorio che è la Calabria.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

dieta mediterranea simply med
dieta mediterranea wines of italy ebook