Beneteau: Carla Demaria alla guida di Monte Carlo Yacht

Beneteau – Monte Carlo Yacht capitanata da manager italiana

La manager italiana Carla Demaria è l’amministratore delegato di Monte Carlo Yacht, un nuovo marchio italiano cui il Gruppo francese Beneteau, leader mondiale nel mercato della barche a vela, ha affidato la progettazione e la costruzione di imbarcazioni in un nuovo segmento di mercato: quello dei motoscafi di lusso di grandi dimensioni, oltre i 15 metri.

Il gruppo Beneteau ha deciso di entrare nel mercato delle imbarcazioni a motore di fascia alta in un momento in cui la crisi economica si fa pesantemente sentire sul comparto, costringendo tutti i marchi ad azzerare gli investimenti e limitarsi a conservare la propria posizione sul mercato. Inoltre Monte Carlo Yacht entra in un mercato, come quello italiano, che può già contare su numerosi brand di prestigio ed è leader mondiale nei superyacht. Quella di Beneteau, dunque, è una scommessa importante, che parte dalla consapevolezza di offire un prodotto di grande valore e completamente diverso da quelli esistenti. Imbarcazioni uniche, innovative, altamente tecnologiche, eleganti, che nascono da un forte investimento in ricerca e sviluppo, e dalla scelta dei più noti e richiesti progettisti a livello mondiale, ma anche dall’aver saputo inventare un nuovo metodo produttivo.

Tutto questo si sta realizzando a Monfalcone, un sito scelto in virtù delle condizioni tecniche ottimali offerte (ampi spazi, vicini al canale navigabile, con adeguata larghezza e profondità) e in virtù della presenza in loco del gruppo sloveno Seaway, con cui Beneteau collabora già da tempo. Attualmente Monte Carlo Yacht opera all’interno degli spazi di proprietà di Seaway e attende le risposte del mercato per completare la progettazione del proprio stabilimento.
Il primo modello del nuovo marchio italiano è in fase di costruzione. Si tratta di un grande motoscafo di lusso da 23 metri, il MCY 76, che verrà varato ufficialmente e presentato al mercato il 9 luglio a Venezia. Il team di designer Nuvolari & Lenard ha disegnato un’imbarcazione che risponde ai nuovi canoni che si stanno affermando nel lusso: non più ostentazione, ma ricerca, eleganza e personalità. La società si è avvalsa anche della collaborazione di Seaway, specializzata nella progettazione di strutture performanti come quelle per la Coppa America e nell’engineering.
L’imbarcazione, oltre che nel design, è innovativa su tutti i fronti: sicurezza, impatto ambietale, funzionalità, comfort. Ad esempio, dei pannelli fotovoltaici annegati nel T-top in carbonio producono parte dell’energia elettrica necessaria per la vita a bordo. Inoltre il sistema di trattamento delle acque nere di derivazione aereospaziale permette di trasformare in acqua pura il contenuto della cassa che raccoglie gli scarichi di tutti i bagni. Da sottolineare poi che il sistema di illuminotecnica è wireless: una caratteristica che permette di non utilizzare cavi a bordo.
Carlo Nuvolari e Dan Lenard hanno proposto un prodotto “di stile italiano, fatto in Italia e concepito in Italia, senza però le gabbie di un insieme di linee filanti, che ricordano la velocità e le auto sportive. Un’immagine – spiegano i due designer – vincente, ma ormai legata agli scorsi vent’anni e più adatta a barche sportive che non a un motoryacht. Il MCY 76, invece, è una barca più moderna, che guarda avanti”.
Carla Demaria vanta una lunga esperienza in campo nautico ed è uno dei manager più conosciuti e richiesti nel settore. Ha lavorato per anni nel gruppo italiano Azimut-Benetti, dal 2002 nel ruolo di presidente e ad di Atlantis (il brand più giovane del gruppo). Carla Demaria è stata anche vicepresidente della Confindustria nautica – Ucina (Unione nazionale dei cantieri e delle industrie nautiche e affini).

Leave a Reply

Your email address will not be published.

dieta mediterranea simply med
dieta mediterranea wines of italy ebook